Tutto quello che vorremmo sapere sull’autotrapianto di capelli

Poter sottoporsi a un autotrapianto di capelli potrebbe essere la soluzione migliore per tantissime persone che vivono con disagio la perdita di quella che era la loro chioma. Sebbene sia un qualcosa che può spaventare, si deve pensare che da qualche anno a questa parte le cose sono cambiate. Sono state messe a punto nuove tecniche e strategie sempre meno invasive e dolorose, che possono aiutare anche chi ha paura di subire un intervento di questo tipo a trovare il coraggio per il grande passo.

Quando è necessario l’autotrapianto di capelli

 Quando si inizia a notare una caduta dei capelli troppo abbondante e repentina, allora è il caso di correre ai ripari. Attenzione, però, a non confondere la fisiologica caduta dei capelli con qualche forma di alopecia, perché si tratta di cose ben distinte.

I capelli cadono non solo a causa dell’alopecia androgenetica, della menopausa e dei cambiamenti ormonali, dello stress o della cattiva alimentazione, ma cadono anche perché è previsto dal loro ciclo vitale. I capelli vecchi fanno posto a quelli nuovi e così via. Si tratta di un circolo che permette di avere sempre una chioma sana e forte.

Se, grazie all’aiuto di un tricologo esperto, ci si rende conto che è un problema non affrontabile in altro modo, allora l’autotrapianto di capelli diventa necessario.

Esistono oggi diverse tecniche, alcune messe a punto per sostituire quelle precedenti e più dolorose. Quali sono e quale scegliere? La soluzione va ricercata sempre insieme a un professionista del settore, anche se si deve sottolineare che la tecnica FUE è quella che nell’ultimo periodo va per la maggiore perché meno invasiva e meno dolorosa.

La tecnica FUE: in cosa consiste e perché sceglierla

 Scegliere la tecnica FUE permette di ritornare immediatamente alle proprie attività quotidiane, senza il bisogno di attendere dei lunghi periodi prima di poterlo fare. Attualmente sono soprattutto le cliniche turche a offrire questo tipo di servizio. Queste sono la soluzione perfetta per chi vuole un intervento ben fatto, realizzato con le tecniche più all’avanguardia e a un prezzo ragionevole e abbordabile.

Possiamo dire che i prezzi medi per un autotrapianto di capelli con tecnica FUE in Turchia è di circa 2.800 euro, mentre in Italia i costi lievitano.

La tecnica FUE permette di avere delle microcicatrici, perché vengono estratte singole unità follicolari e non una intera striscia di cuoio capelluto come avviene, invece, con la tecnica FUT che risulta essere più dolorosa e invasiva, dato che procura una cicatrice più grande e richiede anche una sutura.

Sebbene l’intervento avvenga, come è facile immaginare, in anestesia, il periodo del post-operatorio sarà molto semplice da gestire proprio perché si tratta di un qualcosa pensato per non dare tutti i problemi che invece sono connessi alle altre tecniche.

I risultati sono molto naturali e questo piace non poco ai pazienti che, molto spesso, sono preoccupati dalla possibilità di avere una chioma posticcia in testa. Anche questo è un enorme vantaggio che la tecnica FUE ha rispetto alla tecnica STRIP. Non solo: quest’ultima ha bisogno di ampie zone del cuoio capelluto con follicoli perché altrimenti non si può passare al prelievo, mentre nella FUE vengono estratti i  singoli follicoli.

Come detto meno dolore, meno disagio e, soprattutto, la possibilità di avere una guarigione definitiva in soli 7 giorni, poiché non servono punti come, invece, è necessario nella FUT.

Quando si tratta di caduta dei capelli è sempre importante seguire i consigli degli esperti del settore proprio come, ad esempio, quando ci si allena è utile seguire i consigli del trainer. In questo modo si agirà per tempo così da non far degenerare la situazione.