Cucina romagnola ed eccellenze italiane

Quando si parla di specialità italiane e cucina, l’Emilia-Romagna si distingue come nessun’altra regione. Lasagne, tortellini, cannelloni, prosciutto di Parma, aceto balsamico, tagliatelle, bolognese, parmigiano, e anche tanti dolci tipici come la ciambella… le specialità della regione sono come una sfilata della cucina tipica italiana tutte sulla stessa tavola.

L’Emilia-Romagna beneficia soprattutto della sua posizione: a nord si trova la fertile pianura del fiume Po, nell’entroterra altri ingredienti come le castagne prosperano in montagna e sulla costa il mare offre davvero varietà nei piatti. La cucina ha una lunga tradizione in questa regione, la quale può essere fatta risalire al periodo rinascimentale e barocco del XVI e XVII secolo. Questa base si traduce in una dieta ricca, abbondante e semplicemente deliziosa.

 Formaggi dell’Emilia-Romagna

 I formaggi più famosi dell’Emilia-Romagna sono il Grana Padano D.O.P. e Parmigiano Reggiano D.O.P. Entrambi i tipi di formaggio a pasta dura sono piccanti e vengono utilizzati principalmente come formaggio grattugiato sulla pasta.

Il formaggio Squacquerone di Romagna D.O.P. si trova soprattutto nei pressi di Rimini, Ravenna, Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena. È un formaggio fresco a pasta molle, anch’esso prodotto con latte vaccino e non più vecchio di 4 giorni. Ingrediente principe usato nella piadina romagnola, insieme a prosciutto e pomodori, rucola o altri ingredienti.

La piadina romagnola è il simbolo per eccellenza della cucina regionale e come tipico cibo di strada si può trovare praticamente ad ogni angolo di strada.

Pasta e primi piatti dell’Emilia-Romagna

Chi ama la pasta è in buone mani in Emilia-Romagna. Grandi classici della cucina tradizionale possono essere assegnati a questa regione: le lasagne (più precisamente: lasagne alla bolognese con ripieno di besciamella, carne tritata e salsa di pomodoro) sono un piatto forte e una specialità tipica, estesa al resto d’ Italia. Negli anni questa ricetta ha visto anche un’evoluzione nella sua preparazione con i cannelloni, grandi rotoli di pasta ripieni.

Come non citare le tagliatelle? Esse sono generalmente consumate “alla Bolognese”, quindi con sugo di pomodoro e carne macinata. Come suggerisce il nome, il sugo di condimento è il Ragù alla Bolognese, l’accompagnamento perfetto al piatto è il parmigiano, che aggiunge il sapore necessario al tutto.

Sulla costa, specialmente negli Hotel a Rimini Miramare sul litorale, si può provare una versione paragonabile di Spaghetti alla Bolognese ma di pesce: qui per il sugo si usa il tonno al posto della carne macinata.

I tortellini si gustano in tutta la regione ad un’unica maniera: in brodo. Il piatto tradizionale è farcito con carne di maiale, mortadella, prosciutto crudo e parmigiano.

Altra specialità dell’Emilia-Romagna sono i passatelli in brodo, semplici ma deliziosi con parmigiano e noce moscata oltre alla scorza di limone.

 Le tagliatelle si possono trovare anche in una variante dolce nel menu. Queste vengono fritte in una pastella di uovo, rum, zucchero e scorza di limone: una combinazione insolita e una specialità che vale la pena provare.

Sarai entusiasta della cucina della pasta dell’Emilia-Romagna. Brodo, formaggio o ragù alla bolognese sono gli abbinamenti più comuni ai primi piatti di questa regione. Nei ripieni, invece, le verdure sono la scelta più usata, ad esempio nei cannelloni sopra citati.

L’uso delle verdure come ripieno è utilizzato anche in altre specialità dell’Emilia-Romagna: l’Erbazzone ad esempio, è una sorta di torta di verdure ripiena o una torta di bietole in cui cipolline e bietole e altri ingredienti vengono incorporati nell’impasto del pane (leggi qui la ricetta).

Verdure e insalate vengono spesso lavorate insieme a formaggio e carne o prosciutto in Emilia-Romagna. La piadina romagnola ripiena tradizionale è infatti preparata con prosciutto, formaggio squaquerone e rucola ma ci sono anche altre varianti.

Un tipico antipasto freddo si trova in un piatto chiamato Rosa Emiliana. Esso è alla base degli antipasti di tutte le strutture alberghiere e non solo della regione, dai più convenienti hotel a 3 stelle, come il San giorgio di Rimini Miramare,  fino alle strutture più esclusive a 4 e 5 stelle, composto da rucola prosciutto di Parma impiattato a forma di rose, parmigiano e aceto balsamico, il quale è sicuramente una delle grandi specialità di questa splendida regione.

Di fronte a tutte queste prelibatezze non ci resta che invitare i turisti in questo tour gastronomico godendo di tutte le meraviglie che questo spaccato d’Italia ci offre.