Cosa visitare in Tanzania

La Tanzania è un paese dell’Africa orientale molto amato come meta turistica grazie alle incredibili bellezze naturalistiche proprie del suo territorio; è famoso soprattutto per il Parco Nazionale del Serengeti e per la presenza del Kilimangiaro, la montagna più alta dell’Africa.
Al largo della costa si trovano le isole tropicali di Unguja (chiamata anche Zanzibar), Pemba e Mafia, quest’ultima con un’oasi marina che ospita barriere coralline e squali balena.

5 cose da visitare assolutamente in Tanzania

La Tanzania è conosciuta per i suoi grandi parchi nazionali, che nulla hanno da invidiare a quelli del Botswana, in cui si possono osservare alcune tra le più incredibili specie di flora e fauna di tutto il continente africano, ma non solo: vi si trovano, infatti, anche importanti siti storici e archeologi, montagne altissime e isole paradisiache. Abbiamo chiesto a Primaland Safaris, tour operator che opera nel paese ed è specializzato in safari fotografici, quali sono le 5 mete da visitare assolutamente in Tanzania:

  1. Zanzibar
    Zanzibar si trova al largo della costa della Tanzania, ha splendide spiagge e un caratteristico centro storico. È un’ottima destinazione per chi ama il mare: tra le attività più amate dai turisti troviamo le immersioni subacquee, lo snorkeling e la possibilità unica di nuotare con i delfini.
    Partendo da Zanzibar è possibile effettuare anche numerose escursioni: come il Tour delle Spezie, sulle tracce delle piantagioni di spezie ed erbe aromatiche, e l’escursione alla Foresta di Jozani.
  2. Il Kilimangiaro
    Con i suoi 5895 metri, è la vetta più alta dell’Africa e la montagna singola più alta del mondo. Sono molti i turisti che, da tutto il mondo, si recano in Tanzania solo per scalare questa celebre montagna, la cui sommità è ricoperta da un ghiacciaio perenne.
    Gli itinerari per fare trekking sul Kilimanjaro sono 6 e si distinguono per le differenti difficoltà; si va dal trekking adatto ai principianti ai percorsi più difficili e provanti, adatti solo a scalatori esperti.
  3. Il Parco nazionale del Serengeti
    La presenza umana nell’area del Serengeti fin da tempi antichissimi è testimoniata da ritrovamenti paleontologici di straordinaria importanza; nella pianura del Serengeti si trova, infatti, il celebre sito di Olduvai, dove sono stati trovati i resti di un ominide risalente a circa 1,5 milioni di anni fa.
    Il Serengeti custodisce, inoltre, un’
    enorme varietà di fauna selvatica, tra cui: leoni, leopardi, ippopotami, ghepardi, elefanti, zebre, bufali neri, coccodrilli, gazzelle e gnu.
    Il grande evento, noto in tutto il mondo, a cui molti turisti vogliono assistere è la migrazione degli gnu, che si verifica tra il Serengeti e il confinante Masai Mara in Kenya.
  4. Il Parco marino dell’isola di Mafia
    Il Parco Marino dell’Isola di Mafia si trova a sud di Zanzibar
    e vanta meravigliose zone per immersioni subacquee e snorkeling.
    Il parco presenta un’impressionante varietà biologica: vi sono foreste di palme, baobab e mangrovie, e oltre 130 specie di uccelli.
    Immergendosi nelle sue acque cristalline si possono incontrare variopinti banchi di corallo, centinaia di specie di pesci, delfini, tartarughe marine e il dugongo.
    In alcune aree è persino possibile nuotare con gli squali balena, poiché questa è una delle poche zone al mondo in cui questi grandi mammiferi si riuniscono.
  5. Il Monte Meru e il Parco Nazionale di Arusha
    Il Monte Meru è uno stratovulcano attivo
    della Tanzania, situato nel Parco Nazionale di Arusha, 70 km a ovest del Kilimangiaro. Raggiunge una quota di 566 metri, è circondato dalla savana e coperto, in parte, dalla foresta.
    Il parco montano di Arusha racchiude al suo interno diversi ambienti naturali, come pianura, laghi, foreste ed è abitato da numerose specie animali come giraffe, zebre, antilopi, fenicotteri, bufali e uccelli.