Cosa visitare a Copenaghen in 3 giorni

la capitale danese cosa vedere

Cosa vedere durante una gita di pochi giorni a Copenaghen: un itinerario compatto per ammirare la capitale danese i tutto il suo splendore

Hai i programma di fare una vacanza a Copenaghen di tre o quattro giorni al massimo? Il periodo primaverile è sicuramente il migliore perché molto probabilmente saranno giornate di sole ma, non è detto che anche in autunno non vi sia bel tempo. Indipendentemente dal periodo che sceglierete, ecco una breve guida su cosa visitare in tre giorni in questa magnifica città.

Giorno 01

Il miglior modo per entrare in contatto con l’anima di un luogo è scoprirne lo stile nel profondo. Per questo vi consigliamo di iniziare da Christianshavn, un elegantissimo quartiere risalente al XVII secolo fondato da Cristiano IV ed inizialmente nato per diventare una zona indipendente per mercanti.

Quest’area ospita un caratteristico canale lungo cui è possibile fare una passeggiata e sostare per bersi una birra oppure un caffè in uno di quei bellissimi locali affacciati proprio sull’acqua.

A pochissime centinaia di metri vi è la chiesa del nostro Redentore, un edifico in stile barocco altro quasi 90 metri. Non vi è modo migliore di vedere Copenaghen che salire sul suo campanile per scorgerla tutta dall’alto. Non è di certo il massimo per chi soffre di vertigini ma assolutamente una tappa immancabile del viaggio. È possibile salire a piedi al costo di 5 euro circa (40 corone danesi, per l’esattezza). Gli orari variano in base alla stagione.

A poca distanza vi è Christiania, un quartiere autogovernato dalla città in cui è facile trovare visitatori che fanno uso di droghe leggere e rivenditori di marijuana  lungo le sue vie. Vi è uno splendido lago, alcuni ristoranti, locali e negozi.

Giorno 02

Date il via alla vostra seconda giornata nella capitale facendo una lunga passeggiata tra i palazzi ed i negozi dello Strøget. Troverete un’infinità di marchi, famosi e non, ma tutti pieni zeppi di scarpe, vestiti, borse e gioielli tra cui poter scegliere.

A fine shopping sarete giunti su Rådhuspladsen, la piazza comunale che durante l’anno ospita concerti e parate di vari genere. Proseguite a piedi verso i giardini di Tivoli, uno dei parchi di divertimento più antiche al mondo. Il costo del biglietto è di circa 100 corone.

Da qui è possibile prendere il treno fino Østerport e proseguire a piedi per altri 10  minuti prima di raggiungere la Sirenetta di Andersen, opera di Eriksen del 1913. Qui ci saranno tantissimi turisti ma vederla ne vale veramente la pena.

Camminate a piedi sino Amalienborg Palace in cui risiede la famiglia reale danese. Si tratta di 4  palazzi con una splendida piazza al centro. Se siete vicini all’ora di cena vi consigliamo di proseguire verso Nyhavn, il cuore della città. Un viale colmo di bar, ristoranti e locali.

Giorno 03

Non è per forza necessario andare a Berlino per vivere un’esperienza Hipster. La città di Copenaghen è pienissima di locali in cui mangiare ottimi piatti e sorseggiare birra in compagnia. Prima di recarvi verso Nørrebro, vi consigliamo di fare una sosta al giardino botanico in cui crescono piante tipiche del nord Europa. Se c’è il sole è anche possibile sdraiarsi sul manto verde e rilassarsi scaldati dai raggi solari.

Per proseguire dirigetevi verso Nørrebro per ammirare gli eleganti palazzi costruiti in questa zona e scattare qualche foto al lago che separa i due quartieri.

Si tratta di un’area multietnica, forse l’occasione giusta per gustare qualche pietanza straniera. La via più picca li localini e Blågårdsgade una piccola traversa sulla sinistra.

Se non siete ancora stanchi di camminare potere proseguire la passeggiata fino al cimitero in cui sono sepolti Andersen e Kierkegaard. Non lasciatevi intimorire dalla parola “cimitero”, quelli scandinavi sono veri e propri parchi pieni di verde in cui poter fare jogging e prendere il sole.

Per pranzo o per cena vi consigliamo di tornare indietro e sostare al Torvehallerne, uno dei tipici mercati cittadini. Se avete ancora tempo, poi, non dovete assolutamente perdervi il quartiere di Islands Brygge, dove i danesi si ritrovano intorno alle 18.00 per sorseggiare una birra ed accedere i bracieri per cuocere la carne. I più coraggiosi fanno anche il bagno lungo il canale ma, non sentitevi obbligati…la temperatura dell’acqua non è come quella che trovereste da noi!