Cosa sono i valori della vita e come riconoscerli

valor-vitaQuando la vita ci pone davanti degli ostacoli abbiamo due modalità di espressione: o andiamo verso la perdizione o scopriamo cosa sono i valori della vita e come riconoscerli.

Non abbiamo mai idea di quello che siamo fino a quando non ci troviamo davanti a a qualcosa che ci fa perdere il controllo, che ci fa dispiacere, che pensiamo di non poter superare.

Non avete idea di quello che è potuto succedere a me al minimo ostacolo.

Persona ansiosa, molto poco propensa a credere a quello che per gli altri potesse fare bene, sempre attenta a non uscire fuori da schemi prestabiliti da una certa condizione familiare.

Ed è sempre così, non trovate?

La scuola non è andata, facciamo un lavoro che non ci piace, i nostri bambini non li vediamo quasi mai e il partner è poco propenso a dare parte del proprio tempo per far andare avanti la famiglia.

E’ proprio in quel momento che non sappiamo come poter tirare acqua al nostro mulino, come giocare con le nostre forze e fare in modo che quelli che sono i valori importanti diventino valori fondamentali per ognuno di noi.

Quello che mi piacerebbe farvi arrivare è che tutto quello che nasce come cambiamento deve avvenire per forza da noi, dentro di noi.

Siamo noi che dobbiamo arrivare a capire quello che ci piace e quello che non ci piace, quali sono le cose da cui vogliamo ripartire e quelle che vogliamo lasciare indietro e non vedere più. E’ una questione di cultura personale e non.

Adesso cerchiamo di capire insieme quali possano essere le ragioni e le possibilità che siano in grado di farci reagire in maniera ottimale.

Cosa fare per migliorare se stessi

Quando mi sono trovata a dover decidere di quella che era la mia vita ho fatto quello che tutti dovrebbero fare, cioè mi sono informata su quelle che erano le possibilità di poter ritrovare me stessa e i miei valori grazie a degli insegnamenti altri.

Allora ho girato per un po’ sul web, ho trovato una serie di corsi per la crescita personale (come quello del metodo Masterness) e mi sono detta che poteva esserci un modo e un motivo per cambiare rotta.

Non c’è una ragione per non credere, infatti, di  non poter cambiare rotta quando lo si vuole, non c’è un momento in cui questo tipo di pensiero non possa attraversarci.

Siamo noi, con i nostri perché, con le nostre paure, siamo noi piccolissimi con i nostri ostacoli che ci nascondiamo dietro a un dito per non avere voglia di guardare la luna.

Quello che noi siamo non è quello che saremo per sempre, quello che siamo stati è solo un momento, in tutta la nostra vita, in cui ci siamo trovati in quella condizione.

Se la vita è un flusso, se nella nostra vita siamo in grado di ragionare sulle energie, se abbiamo come muoverci in quelli che ci sembrano essere degli ostacoli insormontabili allora è tutto perfetto, è tutto quello di cui abbiamo bisogno per essere al meglio nella nostra vita.

Non avere mai paura di fare domande, non avere paura di chiedere, a qualcuno, cosa si possa fare per migliorare la propria esistenza.

E questo è l’obiettivo che ci dobbiamo imporre nel momento in cui ci mettiamo in gioco, nel momento in cui clicchiamo verso quella mail per capire come fare e uscire fuori dall’impasse.

Qui non siamo a ragionare sul perché accadano delle cose ma su noi stessi, su ciò che sappiamo essere la verità, su quali siano i valori su cui ci siamo formati e che ora ci sembrano essere fuori da ogni cognizione di causa.

Quando mi sono trovata davanti io a quelle che pensavo essere le avversità più grandi possibili non mi sono lasciata abbattere dai primi mesi che di solito sono davvero molto difficili da recuperare.

Ho pensato a quello che volevo, a quello che volevo davvero per uscire fuori da questo momento di impasse e non mi sono mai vergognata di chiedere aiuto.

A volte basta davvero non sentirsi sola per immaginare che questa vita possa essere davvero la migliore possibile.

Ma al tempo stesso bisogna contare su stessi per non cedere a quelle che sono le lusinghe degli altri che molte volte sono persone false che non hanno voglia di aiutarci davvero ma hanno voglia e bisogno di sfruttarci per arrivare al massimo dello scopo possibile, cioè lucrare su di noi.

Quando mi sono trovata a dover ragionare con la mia testa mi sono voluta affidare a un team di esperti e non al solito stuolo di amici in grado di dire la loro parola, come se fossero esperti, su qualsiasi cosa mi accadesse. E gli amici non sono degli esperti, gli amici non sanno come aiutare una persona nell’essere più o meno migliore. Ma un team di esperti con un corso che ci faccia ragionare proprio su quello che ci interessa è la cosa più giusta che ci possa succedere.

Non è giusto pensare di aver perso quelle che sono le nostre abitudini, i nostri veri valori rispetto a una società che ci impone di avere dei comportamenti che sono consoni a quella che è la massa.

Invece noi vogliamo:

  • essere felici
  • essere consapevoli
  • essere sicuri

Questi tre obiettivi sono quelli che ci dobbiamo segnare tutte le volte che le cose che vogliamo non ci vanno bene. Perché per stare bene dobbiamo prima di tutto giocare tutte le nostre carte scoprendoci poi man mano e capendo, sempre, quali siano i nostri no e i nostri sì, le nostre forze e tutto quello che invece di sbagliato c’è. Tutto diventa esperienza e noi questa esperienza la dobbiamo vivere a pieno mantenendo chiaro il significato di tutto questo percorso che ci porta ad essere finalmente noi stessi e a credere nelle cose giuste.

Qual è quello a cui teniamo veramente, cosa sono i valori della vita e come facciamo a riconoscere le cose per cui vale la pena di lottare? E’ bene che ci sia qualcuno in grado di darci una mano e che lo faccia presto.